Una bambina di 10 anni sarebbe stata violentata a turno da un gruppo di coetanei , composto da sei ragazzini, all’interno di uno scantinato. E’ quanto emerge dalla denuncia presentata dai genitori della piccola alla polizia. I fatti sarebbero accaduti a Boscoreale, comune in provincia di Napoli, nel rione di edilizia popolare denominato Piano Napoli.

La presunta vittima – secondo quanto riporta il quotidiano Metropolis – sarebbe stata adescata da una ‘paranza’ di coetanei, di età compresa tra i 10 e 13 anni, mentre si trovava in strada nei pressi della sua abitazione. Accerchiata dal branco, la giovane sarebbe stata poi costretta a seguirli in una cantina dove si sarebbero consumate le violenze, riprese anche con il cellulare. “Due di loro – scrive Metropolis – la prendono sotto al braccio per il collo, la trascinano con forza in uno scantinato che si trova nelle palazzine del Piano Napoli di Boscoreale”.

Sulla vicenda la Procura presso il Tribunale dei Minori di Napoli ha aperto una inchiesta. Sarebbero due gli episodi di abusi denunciati: il primo sarebbe avvenuto lo scorso agosto, il secondo a dicembre 2019. Gli investigatori hanno ascoltato nei giorni scorsi sei ragazzi coinvolti nella vicenda: alcuni di loro avrebbero professato la propria innocenza spiegando di non comparire nei video trovati sui cellulari di alcuni coetanei.