Coronavirus, i napoletani: “Ne abbiamo debellati di peggiori”