Viaggio con i volontari tra gli invisibili e i nuovi poveri del Coronavirus