Operazione Tufò, reddito di cittadinanza e cocaina: presi i narcos della Napoli bene

Percepiva il reddito di cittadinanza ma nel ‘tempo libero’ gestiva enormi carichi di cocaina, rifornendo numerose piazze di spaccio di Napoli, Salerno, Caserta, Basso Lazio e Roma, e reinvestiva parte del ricavato nell’attività di ristorazione, tra cui la trattoria-gourmet Tufò di via Posillipo, nell’omonimo quartiere partenopeo, dove più volte, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, avrebbe tenuto riunioni per organizzare l’acquisto di grosse partite di droga.