Il dramma degli invisibili durante l’emergenza: “Ai migranti non spetta nulla, ci pensa la rete di solidarietà dal basso”