Il direttore del Cotugno denuncia la vergogna: “I nostri dipendenti trattati come appestati”