Sarà l’esposizione internazionale Vebo-Special Edition ad inaugurare la stagione fieristica della Mostra d’Oltremare di Napoli. Il salone, dedicato alla bomboniera, regalo e casa, in programma dal 2 al 5 ottobre, sarà la prima fiera in programma dopo il lockdown deciso dal Governo, ma anche la prima dell’intero settore in Italia.

Numerose le aziende del segmento regalo, oggettistica e mise en place che prenderanno parte all’esposizione B2B del settore. Oltre 50 espositori porteranno a Napoli le loro collezioni in visione, sottolineando la volontà operativa della ripresa del comparto che, causa la chiusura delle cerimonie voluta dal Governo, ha perso il 90% delle commesse in tutta Italia con un crollo di fatturato di oltre 15 miliardi di euro.

Vebo-Special Edition, che si estende su una superficie di 7.000 mq ed in particolare nei padiglioni 4-5-6 del quartiere fieristico napoletano, ha approntato misure di profilassi per la tutela del pubblico, degli espositori e degli operatori. Pre-registrazione, mascherine, igienizzanti e rilevamento della temperatura corporea sono solo alcuni provvedimenti, in linea con le misure di prevenzione volute per lo svolgimento delle fiere, adottate dall’organizzazione.

Un percorso libero interno, con corridoi particolarmente larghi tra gli stand e ampie piazze di sosta per il pubblico, sarà regolato nei flussi di accesso, secondo il contingentamento previsto per legge delle 2.500 persone (1 x mq) per singola area, con un sistema di contapersone in entrata e uscita dai padiglioni. Il ricambio d’aria dei padiglioni, grazie alle numerose porte di sicurezza presenti nelle nuove strutture della Mostra d’Oltremare, garantirà un’idonea areazione degli ambienti.

Confermate le navette gratuite da Porto-Aeroporto e Stazione per il salone, così come sono convalidate le soluzioni di avvicinamento a Napoli con gli sconti sui trasporti (auto/voli/treni) e in particolare dei contributi benzina messi a disposizione dagli organizzatori per chi raggiungerà Vebo -Special Edition in automobile, nonché quelle delle convenzioni alberghiere e ristoranti del territorio.

Vebo-Special Edition ospiterà, sabato 3, la convention nazionale dell’associazione AIRB (Associazione Italiana Regalo, Bomboniera, Wedding e Confetti) che presenterà un progetto di rilancio del settore per il prossimo anno.

“Ringrazio la dirigenza della Mostra d’Oltremare per essere stata al nostro fianco nelle fasi di preparazione di questa edizione del salone Vebo” dichiara a “il Riformista” Luciano Paolillo Patron della fiera.
“Le azioni di facilitazioni e di sconto concesse dall’ente fieristico ci hanno messo in condizione di ripartire, pur in grande difficoltà, e di poter offrire ai nostri espositori soluzioni vantaggiose e di sicurezza per la loro adesione. Certo questa 19.mo appuntamento del Vebo, che abbiamo deciso di chiamare Special Edition, è una formula estremamente ridotta rispetto a quanto solitamente Napoli offre al comparto, basti pensare che invece di 8 padiglioni ne apriremo solo 3 e che gli espositori saranno circa 50 invece dei consueti 250. Ma dobbiamo comunque riprendere un cammino verso la normalità e imparare a convivere, con intelligenza, con questo virus che limita la nostra vita in ogni senso. Da imprenditore, che conosce bene il rischio d’impresa, ho deciso di lanciare una sfida rispetto a chi invece crede solo nell’assistenzialismo, la strada ce la dobbiamo costruire con le nostre mani e se poi, magari, arriva un aiuto dall’esterno risulterà gradito.
Il Vebo, conclude Paolillo, è una realtà espositiva tanto da essere la prima in Italia del settore, ma allo stesso tempo rappresenta il cuore di un comparto che fattura quasi il 1% del pil nazionale, una responsabilità che deve essere affrontata con giudizio e coraggio. Ecco perché invitiamo tutti gli operatori del settore a partecipare a questa prima fiera della Mostra d’Oltremare ma con grande attenzione e rispetto delle misure anti Covid”.