L’ambulatorio per il Centro regionale di diabetologia pediatrica ha una nuova sala d’attesa. E i bambini con diabete possono mangiare la pizza senza che la glicemia si alzi. Sono le due notizie che arrivano dalla giornata di ieri dal centro del Policlinico.
L’ambulatorio (nella foto) inaugurato presenta uno scenario marino popolato da pesci sorridenti e alghe e un acquario capace di catturare l’attenzione dei piccoli pazienti. «Cerchiamo di rendere meno difficile possibile la permanenza dei bambini in ospedale», ha dichiarato il direttore Generale dell’Azienda ospedaliera, Antonio Giordano. «L’accoglienza – ha continuato Giordano – non è un concetto astratto, è una condizione fondamentale per i pazienti, in particolar modo se sono bambini. A questo si aggiunge l’alta specializzazione del Centro diabetologico pediatrico capace di offrire una assistenza qualitativa notevole. Non a caso è anche riferimento nazionale per lo studio e l’applicazione delle tecnologie nella terapia e nella gestione del diabete».
Testimonial della giornata è stata Monica Priore, prima nuotatrice diabetica in Europa ad aver attraversato lo Stretto di Messina. «Sono qui – ha detto Priore – per testimoniare che possiamo avere una vita felice e attiva. Ho scritto un libro, Il Grande salto, storia di un delfino che ha spiccato il volo per raccontare i sacrifici e gli ostacoli trovati durante la mia vita. I tabù che ancora esistono. Ma sono la conferma che è possibile raggiungere grandi traguardi».
In occasione della giornata di ieri, sono anche stati resi noti i dati clinici risultati in linea con lo studio sperimentale pubblicato lo scorso novembre sul Diabetes Technology & Therapeutic, condotto negli ultimi due anni dal team medico del Centro, guidato dal dottor Dario Iafusco, con il professore Ohad Cohen dell’Università di Tel Aviv e la professoressa Paola Vitaglione, della Facoltà di Agraria della Federico II. I bambini con diabete seguiti dal Centro regionale di Diabetologia Pediatrica dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Luigi Vanvitelli possono mangiare tranquillamente la pizza, senza che la glicemia si alzi. Possono farlo anche quando viene cucinata a casa, grazie alla ricetta indicata dal team del Van Vitelli.