L’ occupazione delle camere di albergo, a Napoli, e’ stata al 49% nel mese di agosto. Un crollo rispetto allo stesso periodo del 2019 (79%), ma poteva andare peggio viste le premesse del mese di luglio che aveva fatto segnare il 30% di occupazione. Le notizie negative, pero’ arrivano dal mese di settembre, storicamente uno dei migliori dell’anno dal punto di vista turistico, caratterizzato da cancellazioni e poche prenotazioni. “Stiamo soffrendo molto la quasi totale assenza di turisti stranieri – dichiara il presidente di Federalberghi Napoli, Antonio Izzo -una vera ripresa potra’ esserci solo quando l’aeroporto di Capodichino tornera’ a regime e si riapriranno, in maniera costante, mercati internazionali, in particolare per Stati Uniti, Giappone e i principali paesi europei”. Oltre l’80% dei turisti in citta’ sono stati italiani che hanno usufruito anche del bonus vacanze, provvedimento che ha riscosso abbastanza adesioni, ma per valutarne gli effettivi benefici per il comparto alberghiero, bisognera’ aspettare la fine dell’anno. “La citta’ ha vissuto di alti e bassi. Alcune strutture sono riuscite a lavorare abbastanza bene raggiungendo risultati soddisfacenti, visto il periodo, sia in termini di occupazione che di fatturato, ma la maggior parte ha sofferto e continua a soffrire. Le prospettive non sono positive, in particolare nel mese di settembre, a causa di un ritorno di paura per il virus che non invoglia a viaggiare. Sta calando anche il turismo di prossimita'”. Il dato sulla permanenza media (2,4 notti) resta abbastanza buono, ma con bassa occupazione camere incide poco nell’economia delle strutture alberghiere. “Offrire sicurezza dal punto di vista sanitario e certezze dal punto di vista economico e’ l’unico modo per ripartire in maniera organica. Il prossimo obiettivo e’ il periodo natalizio, ma realisticamente la primavera del 2021 e’ da individuare come momento di rilancio.”

Speriamo che per allora il Covid19 sia soltanto un brutto ricordo.