Una insegnante della scuola dell’Infanzia e Primaria “Piscicelli” è stata ricoverata nelle scorse ore all’ospedale Cotugno di Napoli per una sospetta meningite. In attesa degli accertamenti sullo stato di salute della donna, le cui condizioni sarebbero gravi, nella scuola del Vomero c’è apprensione tra le mamme e i papà dei piccoli alunni che attendono le decisioni della dirigente scolastica Gabriella Talamo. Questa mattina la scuola ha ricevuto dal Dipartimento di Prevenzione dell’Asl Napoli 1 Centro le indicazioni relative alla “profilassi da adottarsi per la tutela della popolazione scolastica”.

Stando a quanto indicato dai professionisti dell’Asl, diretta dal manager Ciro Verdoliva, nell’istituto scolastico è necessaria una operazione di sanificazione e di adeguata aerazione degli ambienti frequentati dalla docente.

L’Asl invita la scuola a contattare tutti le persone che sono state a contatto prolungato  con la docente (alunni, personale scolastico e addetti della ditta di ristorazione) “affinché si rivolgano al proprio medico di base per valutare una eventuale profilassi compatibile con le condizioni fisiche del soggetto”.

Facendo riferimento  alle linee guida delle malattie batteriche invasive dell’Istituto Superiore della Sanità, il Dipartimento di Prevenzione invita alla chemioprofilassi mediante rifampicina (dose di 20 mg/kg al giorno per 4 giorni) di tutti i contatti stretti e dei conviventi qualora siano presenti uno o più individui vulnerabili (bambini con età inferiore ai 10 anni, soggetti immunosoppressi o asplenici). Inoltre – si legge nella nota – “in ambienti scolastici è raccomandata la profilassi di tutti i contatti di stanza e la vaccinazione di tutti i bambini con età inferiore a 10 anni, compresa la dose booster”.

La scuola, per il momento, ha annullato un incontro sui temi del Bullismo, Cyberbullismo e sicurezza in rete in programma oggi dalle ore 16,15 alle ore 18. L’appuntamento –  fa sapere l’Istituto-  è rinviato a data da destinarsi.