Tante le adesioni e gli incoraggiamenti che sono arrivati dopo la presentazione a Napoli a Villa Sanfelice di Monteforte. Ricca di partecipazione la lettera del sindaco di Benevento Clemente Mastella «Caro direttore, dopo aver partecipato ieri alla prima della vostra nuova creatura editoriale, ho atteso con interesse la prima uscita dedicandole una attenzione critica. Confesso che l’architettura non mi dispiace, e riempie i vuoti territoriali che “il Riformista” edizione nazionale, presentava. Tutti gli spazi sono coperti: dalla cronaca allo sport, passando per le altre sezioni. Se mi è consentito, ricordandomi quello che per quasi 40 sono stato, proporrei un emendamento: Napoli è Napoli, dove convivono infinito e abisso, e quindi materia incandescente per ogni analisi e radiografia giornalistica. Ma al giornale manca l’altra Campania, la mia di Benevento a cultura da stato pontificio, e mancano le altre realtà provinciali. Non vorrei che questa mancata apertura di finestre giornalistiche nasconda il vezzo di continuare a considerarci appendice trascurabile. Per il resto il mio in bocca al lupo per un’avventura difficile e controcorrente».

Intervistato dalla redazione online del Riformista, Il presidente del tennis Club Napoli Riccardo Villari ha invece sottolineato così l’importanza della fondazione di un nuovo quotidiano: «Un giornale che nasce in una città difficile come la nostra , va accolto e sostenuto con gioia». Un benvenuto al dorso napoletano del Riformista anche dal capo di gabinetto Attilio Auricchio: «La città ha bisogno di essere raccontata attraverso nuove dinamiche e mi aspetto ciò da questo nuovo giornale». Gli auguri per la nuova avventura editoriale sono arrivati anche dal presidente dell’Agcom Antonio Martusciello che vede nel Riformista Napoli un motivo di orgoglio in più per la nostra città: «È un’ulteriore spinta per far si che Napoli ritrovi la propria forza e la propria consapevolezza per poter competere al meglio con le altre grandi città europee».

Partecipazione e interesse anche da parte di Severino Nappi, presidente dell’Associazione Nord e Sud e da parte di Graziella Pagano, esponente di Italia Viva. E infine l’ in bocca al lupo da parte del presidente dell’ordine dei giornalisti campani Ottavio Lucarelli che ha ricordato l’importanza del giornale cartaceo «La carta stampata ha subito una contrazione, adesso va fatta in nuovo modo e ha bisogno di essere fatta attraverso nuove idee». Tra i presenti alla conferenza stampa anche l’onorevole di Forza Italia Paolo Russo e l’imprenditore napoletano Ugo Cilento.