Sarà un Barcellona rivoluzionato quello che il Napoli dovrà affrontare negli ottavi di Champions League. E non solo perché l’infortunio al ginocchio dell’uruguayano Luis Suarez priverà i catalani per circa quattro mesi del loro attaccante. Ma anche perché la società ha esonerato Ernesto Valverde, allenatore che con i blaugrana ha vinto due campionati, una Coppa del Re e una Supercoppa di Spagna. Al suo posto è arrivato Quique Setién (nella foto in basso), ex tecnico di Las Palmas e Betis Siviglia. Proprio con gli andalusi Setién aveva incrociato nella stagione scorsa l’attuale allenatore degli azzurri Rino Gattuso, allora al Milan, nella doppia sfida dei gironi di Europa League. In quel caso il parziale fu a favore di Setién, che vinse 2 a 1 a San Siro e pareggiò 1 a 1 in Spagna. La doppia sfida tra il 25 febbraio e il 18 marzo si configura quindi anche come una rivincita tra i due allenatori.
Setién, classe 1958, è un tecnico votato all’attacco. In un’intervista alla Gazzetta dello Sport dichiarò: «Io gioco sempre all’attacco. A padel, a scacchi, a calcio. Non so mettermi dietro ad aspettare». Nella stessa intervista Setién affermò come i sue modelli in panchina siano Pep Guardiola e Johan Cruijff, due pilastri della storia blaugrana.