Fabiano Santacroce, ex difensore di Napoli e Brescia. Ora gioca in serie C con la Virtus Verona.

Che tipo di gara ti aspetti tra Brescia e Napoli?
Una gara difficile perché il Napoli ci sta abituando a gare tranquille con le big e ha difficoltà contro squadre di media classifica. Il Brescia corre e bisogna stare attenti a non mettere il pensiero alla partita successiva.

Gattuso dice che non pensano alla Champions.
Difficile non pensare a una sfida come quella contro il Barcellona. Serve un buon tecnico per non pensarci.

Quali i punti di forza di Napoli e Brescia?
Le due rose sono state fatte per obiettivi diversi. Il Napoli ha potenzialmente qualcosa in più. Dipende dalla concentrazione che può rovinare questa partita, bisogna stare attenti.

Cosa pensi di Diego Lopez?
Un buon allenatore, anche se non lo conosco bene. Sono curioso.

Parli sempre del Napoli con un senso di appartenenza…
Mi sono sposato a Napoli. Le mie due figlie sono nate qui, ma ho ottimi ricordi di Brescia.

Balotelli perché non trova continuità?
È un talento pazzesco. Ho avuto la fortuna di allenarmi con lui, ho visto cosa è capace di fare e che tipo di giocatore può essere. Ha avuto tanti intoppi, ma potenzialmente è uno dei più forti. Sta a lui far vedere quello che vale.

Uno come Tonali ti sarebbe piaciuto al Napoli?
Mi piace. La differenza si vede quando si gioca per la salvezza o per obiettivi alti. È lì che si nota la maturazione di un giocatore, ma ha sicuramente ottime doti.

Cosa ne pensi dei cori razzisti?
Balotelli è preso di mira soprattutto perché si è fatto sentire e fatto notare una certa fragilità. Bisogna dare meno protagonismo a questi scemi. Le società dovrebbero fare qualcosa. I cori razzisti sono un segno di stupidità.