“È arrivato il momento di dire con grande chiarezza che siamo di fronte ad un problema serio, ho la sezione che non tutti hanno compreso, che richiede comportanti responsabili da parte di tutti e un cambiamento radicale delle abitudini di vita”. È l’appello arrivato sui canali social personali e della Regione Campania dal governatore Vincenzo De Luca per chiedere ai cittadini il massimo impegno nel fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Dal presidente è arrivato un vademecum sui comportamenti da tenere per evitare la diffusione dell’epidemia: “Dobbiamo evitare al massimo i contatti sociali, rimanere di più a casa, quando si va a fare la spesa bisogna andare una persona per famiglia”.

De Luca ha ricordato quindi la sua ordinanza di ‘chiusura’ di discoteche e luoghi di assembramento, che però non viene rispettata: “Molti concittadini non hanno capito che vanno evitati luoghi in cui ci sono assembramenti – ricorda De Luca – Nonostante l’ordinanza pub e ristoranti accolgono centinaia di ragazzi, senza rispettare la distanza di un metro tra una persona e l’altra”.

Per questo De Luca ha annunciato di aver “sollecitato le forze di polizia ad attivarsi per procedere alla chiusura di questi esercizi in caso di assembramento di persone”.

Il governatore ha quindi fatto l’esempio di un cittadino campano attualmente ricoverato all’ospedale Cotugno di Napoli: “Il 21 febbraio è andato dal Teatro Posillipo a una festa con 200 persone, il 22 in un ristorante di via Cilea, il 26 in una pizzeria, il 29 ha iniziato a stare male e oggi è intubato al Cotugno”.

Il presidente ha quindi rinnovato l’appello ai cittadini campani: “La situazione è seria e abbiamo il dovere di evitare la diffusione del contagio se siamo tutti responsabili, a altrimenti la situazione diventa pesante. Vi invito a darci una mano per affrontare con consapevolezza un problema che è grave. Senza l’aiuto e la collaborazione di ogni cittadino diventerà molto più difficile contrastare la diffusione del virus”.