Se ne è andato dopo aver combattuto a lungo contro un brutto male. La polizia piange Francesco Piscitelli, 53enne agente in servizio alla Sottosezione Fuorigrotta della Polizia Stradale di Napoli, scomparso il 18 gennaio scorso all’ospedale Cardarelli di Napoli.

Il gigante buono“, così come era stato ribattezzato dai colleghi di polizia e dagli amici con cui praticava arti marziali. Originario del rione Berlingieri a Secondigliano, periferia nord di Napoli, Piscitelli ha lavorato per ben 32 anni nella polizia stradale di Napoli. Lungo la Tangenziale di Napoli era diventato un punto di riferimento per benzinai e gestori degli autogrill.

“Sono spezzato da questa notizia.. la vita ti infligge duri colpi ma tu devi rialzarti sempre… Questo mi dicevi ogni volta. Questa per te è stata la battaglia più dura da combattere ma chi ti ha conosciuto, chi ti ha visto sa che tu hai lottato con tutte le tue forze. Mi mancherai tanto e quest’ennesima lotta ci ha portato via un pezzo di cuore a tutti. Porterò sempre con me i tuoi insegnamenti. Riposa in pace Maestro” scrive sui social un suo allievo.

Addio campione, ci mancherai” aggiunge una collega della polizia stradale napoletana. “Notizie che non vorremmo mai pubblicare, ci lascia Francesco, della sottosezione polizia stradale di Fuorigrotta” si legge su “Noi poliziotti per sempre”, pagina dedicata alle forze dell’ordine. Numerosi i messaggi di cordoglio che in queste ore si susseguono sui social.