Erano da poco passate le 22 e stava camminando sul marciapiede mano nella mano con uomo quando è stata travolta da un’auto urtata pochi attimi prima da un’altra vettura. Incidente terrificante quello avvenuto mercoledì sera, 22 gennaio, al Vomero, quartiere collinare di Napoli. La donna, una 65enne residente nella zona, è ricoverata in prognosi riservata all’ospedale Cardarelli di Napoli. Le sue condizioni sarebbero gravi e saranno decisive le prossime ore quando i medici avranno modo di appurare l’entità delle lesioni interne riportate dopo aver battuto la testa e parte del corpo contro il muro presente a bordo strada.

La spaventosa carambola è avvenuta all’incrocio tra via Massimo Stanzione e via Enrico Alvino ed è stata provocata dallo scontro tra una Fiat 500, guidata da un 19enne napoletano, e una Peugeot 207, che aveva al volante un ragazzo di 20 anni della zona. Nessuno dei due ha rallentato in prossimità dell’incrocio e lo scontro è stato inevitabile. La Fiat 500 ha così toccato lateralmente la Peugeot che ha travolto la signora prima di ribaltarsi.

I rilievi sono stati effettuati dagli agenti della sezione Infortunistica della polizia Municipale di Napoli, guidati dal capitano Antonio Muriano. Ad entrambi i conducenti, che non hanno riportato ferite gravi, è stata ritirata la patente con i due veicoli finiti sotto sequestro. I test tossicologici e alcolemici di primo livello, cui sono stati sottoposti i due giovani, sono risultati negativi. Gli agenti sono ora in attesa dei test di secondo livello. Acquisite le immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona per cristallizzare la dinamica di un incidente che ha visto come unica vittima una donna che passeggiava sul marciapiedi e stava rincasando.