Napoli è una città di tennis, una città di tennisti e di appassionati di questo nobile sport. Ancora oggi il capoluogo campano ospita uno dei tornei del circuito ATP, la Tennis Napoli Cup, rinominata Capri Watch Cup per evidenti motivi di sponsor. Un torneo internazionale che per molto tempo, a partire dagli anni ‘50, è stato riconosciuto come il secondo più importante d’Italia, dopo gli Internazionali di Roma. Il merito di questo status si deve soprattutto ad Althea Gibson, una delle stelle del tennis globale del passato, una giocatrice che ha saputo sorprendere il pubblico partita dopo partita durante gli anni ‘50, nonché una delle figure più importanti della storia del gioco: è stata la prima afroamericana a partecipare a quei tornei che, prima di lei, erano aperti solo ai bianchi.

Nel 1956, quando arriva a Napoli, Gibson ha già 29 anni, è già una delle giocatrici più forti in assoluto e viene da una serie di dodici trofei consecutivi: è praticamente imbattibile. È anche grazie alla sua partecipazione, e alla vittoria in una finale mai realmente in discussione con Heather Brewer, che il torneo di Napoli raggiunge una certa fama, ben oltre i confini nazionali. Per celebrare la vittoria, la tennista nativa del South Carolina diventa protagonista del gran gala del torneo – proprio la sera del giorno di Pasqua – illuminando il salone del Tennis Napoli con la sua voce: Gibson canta a sorpresa, davanti agli occhi compiaciuti del presidente Leonetti e degli altri ospiti. La campionessa sceglie di ringraziare Napoli per l’ospitalità nel modo più dolce possibile. Il giorno dopo, prima di partire, Gibson fa in tempo a trionfare anche nel doppio misto al fianco di un altro grande campione italiano come Orlando Sirola.

Althea Gibson non tornerà più a Napoli nella sua carriera – che si chiuderà solo tre anni dopo – ma la sua presenza in Campania le porterà fortuna, proprio come la scaramanzia dei napoletani le aveva predetto riguardo il numero 13, il numero di tornei consecutivi vinti: poche settimane dopo diventerà la prima tennista afroamericana a vincere uno Slam, trionfando sulla terra rossa del Roland Garros. Basterebbe questo per riscrivere i manuali di storia, non solo dello sport. Ma Gibson non si ferma e l’anno successivo vince anche lo Slam australiano, quello statunitense e a Wimbledon, ricevendo il trofeo dalle mani della regina Elisabetta II.

Althea Gibson è stata una delle figure più importanti nella storia del tennis. Un gigante in grado di abbattere le barriere del segregazionismo. Lo ha fatto sempre alla sua maniera, guardando a se stessa, provando a migliorare giorno dopo giorno. Ma non ha mai avuto l’atteggiamento di chi gioca per cambiare la società, per ottenere dei diritti per una minoranza o per dare voce a chi non ne ha – come avrebbero fatto dopo di lei Arthur Ashe, Billie Jean King, Martina Navratilova o Serena Williams. Gibson non usa la sua immagine per raggiungere un obiettivo diverso dalla vittoria sul campo contro l’avversaria di turno. La sua figura non travalica mai le linee bianche che delimitano il campo da tennis. Ma nonostante tutto, senza di lei, difficilmente avremmo avuto tennisti e tenniste in grado di farsi sentire su temi sociali importanti.

Perché Althea Gibson è ha spianato la strada per i suoi successori, ha tracciato un sentiero in cui si sono inseriti atleti più consapevoli e più informati. Per questo la sua storia è speciale, unica nel suo genere. Althea Gibson è infatti una delle protagoniste del libro Stand Up, Speak Out. Storia e storie di sport e diritti civili negli Usa (Kenness Publishing), che racconta l’evoluzione del rapporto tra atleti e politica nel corso del Novecento, fino ad arrivare ai giorni nostri, a Serena Williams, a LeBron James, a Colin Kaepernick, a Megan Rapinoe e Chris Mosier.