Garellik, il portiere senza mani