Esplosione poco prima delle 16 negli stabilimenti della Adler Plastic, azienda multinazionale con sede a Ottaviano, in provincia di Napoli, leader nel settore della produzione e lavorazione di materie plastiche per l’industria del trasporto. Un “boato pazzesco” commentano alcuni residenti, avvertito anche nei vicini comuni di San Giuseppe Vesuviano e nel Nolano.

Nell’esplosione sono rimaste ferite almeno tre persone, una delle quali trasportata d’urgenza al Cardarelli. Non si escludono vittime. Sul posto carabinieri, polizia, guardia di finanza, più squadre dei vigili del fuoco e diverse ambulanze. “Ci sono tre feriti, di cui uno grave”, dice il sindaco di Ottaviano Luca Capasso, uno dei primi a giungere sul posto.

La colonna di fumo nero è visibile a chilometri di distanza. Numerose le segnalazioni dei cittadini per l’aria diventata irrespirabile. Alcuni vetri delle abitazioni circostanti sono stati distrutti dalla forte esplosione.

Adler Plastic è un Gruppo internazionale, con sede a Ottaviano, in provincia di Napoli, che progetta, sviluppa e industrializza componenti e sistemi per l’industria del trasporto.
Fondata nel 1956 da Achille Scudieri, oggi portata avanti dal figlio Paolo, è il primo produttore italiano di sistemi per il comfort acustico e termico di veicoli e di rivestimenti e pannelli per le portiere e tappeti interni (il secondo player mondiale).

VETRI DISTRUTTI NELLE ABITAZIONI VICINE

Adler conta oggi 58 stabilimenti in 19 Paesi, 7 siti di ricerca e Sviluppo per un fatturato annuo di 1 miliardo di euro. Adler crea, sviluppa e produce per l’industria del trasposto, utilizzando in modo innovativo poliuretani, poliolefine, polipropilene e polivinile. Può vantare una storia aziendale fatta di successi, investimenti e acquisizioni, finalizzate a offrire una risposta adeguata alle crescenti e diversificate esigenze del mercato.

LA NUBE TOSSICA DOPO L’ESPLOSIONE