È stata donata dalla Federalberghi Ischia e Procida all’Ospedale “Anna Rizzoli” di Lacco Ameno, il macchinario SNIBE Diagnostic Maglumi 600 con un primo lotto di kit per effettuare i test.

L’individuazione di questa apparecchiatura è avvenuta di concerto con il presidio sanitario dell’Asl Na 2 e i responsabili del nosocomio isolano. Essa consentirà di velocizzare l’accertamento di eventuali casi positivi al virus attraverso la ricerca degli anticorpi. Un macchinario che terminata l’emergenza potrà essere utilizzato anche per ulteriori test utili alla regolare attività sanitaria.

Luca D’Ambra, Presidente di Federalberghi Ischia, commenta a “il Riformista” questa importante iniziativa benefica:”Purtroppo non è la prima volta che subiamo una crisi economica del comparto, ma il livello d’impatto di questa epidemia è molto più drammatico di tutte le crisi precedenti sommate assieme.
Quando e in quale forma riprenderemo a svolgere le nostre attività ancora non lo sappiamo.
Il turismo rischia di dover cambiare radicalmente nella sua operatività. Dovremo di certo essere più scrupolosi nell’applicare le norme igieniche e dovremo imparare a mettere in pratica severe disposizioni di social distancing.

Ricordiamo che l’isola d’Ischia ha realizzato di recente circa 3 milioni milioni di presenze. Dato ufficiale che non tiene conto di molte varianti. Le analisi effettuate dai nostri collaboratori, in sede a Federalberghi Ischia e Procida, è in continua elaborazione e sarà oggetto di continuo aggiornamento. Come possiamo constatare nei nostri Grafici in una situazione molto realistica con ripartenza al 1 luglio, il rischio è la perdita di più di un terzo delle presenze complessive per ogni singola azienda, arrivando ad una stima di circa 1,2 milioni di presenze in meno. Si può solo immaginare il danno che ne deriverà all’intero indotto del turismo generato dalla mancanza di queste presenze sul nostro territorio (trasporto, agenzie, parchi termali, ristoranti, lidi, bar, rent car, etc…) in special modo al settore dell’occupazione rappresentato dai nostri collaboratori e dai dipendenti di tutti i nostri fornitori.

Federalberghi Ischia e Procida ha già promosso interessanti iniziative attraverso corsi offerti in modalità webinar per offrire sicurezza ai nostri collaboratori, difendere allo stesso tempo l’integrità degli ospiti, controllare l’atteggiamento emotivo in situazioni di emergenza.
Ora è il momento di impegnarci per essere pronti a ricevere una clientela che è stata abituata a non avere contatti diretti, a preservare il proprio spazio e prevenire situazioni di infezione.
Si dovranno ripensare tutte le attività svolte “in Casa” in funzione di questi aspetti.

Sarà opportuno che non solo le strutture ricettive, ma tutta la filiera turistica lavori in questa direzione per qualificare il prodotto turistico di garanzia delle isole.

Chiaramente il tutto sembra più facile a dirsi che a farsi. Le dinamiche che si prospettano o che sono al vaglio delle analisi degl’enti preposti, troveranno sicuramente delle contraddizioni attuative e operative.
Siamo tutti desiderosi di riaprire, di mettere tutto a regime, vorremmo lavorare e operare.
L’iniziativa di oggi- conclude d’Ambra- di donare questa apparecchiatura all’A.O. Anna Rizzoli di concerto con Asl Napoli 2 Nord va incontro a queste esigenze, cioè rendere ancora più con completa ed efficiente l’operatività del nostro ospedale.”