Il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca è pronto a firmare entro questa sera,, un’ordinanza per l’apertura, da lunedì prossimo 27 aprile, delle attività legate al cibo da asporto, alle librerie e alle cartolerie.

Arriva così una svolta attesa da più di un mese. Il dibattito che ha visto duellare a distanza il Governatore e il Sindaco con le richieste di una parte del mondo delle pizzerie (non tutte) e profonde divisioni all’interno della stessa categoria giunge così all’epilogo.

Nelle prossime ore si capirà meglio cosa prevede la delibera e le linee guida che saranno adottare.
Ovviamente l’attività di delivery non può essere concessa solo per le pizzerie ma anche a tutte le altre attività ristorative e alle pasticcerie per intenderci. Proprio per questo il confronto in seno alla task force regionale è stato intenso e non privo di differenti vedute.

Ma, secondo quanto trapelato, la decisione è ormai presa salvo clamorosi ripensamenti che non sono mai esclusi in tempi di emergenza.

I dipendenti delle attività commerciali dovranno, secondo quanto si apprende, usare i dispositivi di sicurezza previsti per legge e rispettare il distanziamento sociale. Si potrà così tornare a consegnare pizze e cibo. In questo modo Vincenzo De Luca accoglie anche le istanze promosse dai rappresentanti di categoria. In questi giorni i pizzaioli avevano infatti chiesto a gran voce di autorizzare almeno le consegne a domicilio.

Il Riformista” ha raggiunto telefonicamente Gino Sorbillo che si è fatto portavoce di questa battaglia il quale ha espresso grande soddisfazione tanto che ha subito postato sui suoi canali social la notizia commentando con un laconico: ”Grazie Presidente…”.

Anche Ciro Salvo di “50 Kalò” che pure si era espresso a favore di questa tesi ha manifestato consenso e attende di capire come potrà organizzare l’asporto delle sue pizze.