Lunedì 2 marzo scuole regolarmente aperte a Napoli. L’azione di igienizzazione dei 500 plessi cittadini è terminata nella giornata di oggi.

Sempre domenica si è nuovamente riunito al Comune il tavolo di monitoraggio istituito dal sindaco, Luigi de Magistris, al quale partecipano anche rappresentanti delle aziende sanitarie in relazione all’epidemia determinata dal coronavirus. Secondo quanto è emerso dalla riunione, nel pomeriggio la ASL Napoli 1 Centro completerà le pulizie straordinarie negli ultimi plessi. “Abbiamo avvisato le scuole – spiega l’assessore comunale all’Istruzione, Annamaria Palmieri – è stato svolto da tutti un lavoro encomiabile dai dirigenti tecnici comunali, alla Napoli Servizi, alla ASL e alle ditte esterne coinvolte”.

I CONTAGIATI – Intanto al momento sono 17 le persone contagiate in Campania. Tredici riguardano la città di Napoli e la sua Provincia, due invece l’area casertana, una quella sannita e una quella salernitana. In serata è atteso un nuovo bollettino della Protezione civile sull’esito dei test svolti in queste ore.

Gli ultimi quattro risultati positivi ai test sono del quartiere Vomero, di San Giorgio a Cremano, di Pozzuoli e di Giugliano e sarebbero entrati in contatto con l’avvocato 50enne partenopeo o con altre persone contagiata dal cosiddetto paziente numero uno, ovvero il legale originario del quartiere San Carlo Arena. Un altro risultato positivo è di Pomigliano d’Arco.

Coronavirus, paziente positivo a Pomigliano: la visita del 118

Nei giorni scorsi sono stati numerosi i tamponi analizzati dall’ospedale Cotugno di Napoli, esperto in malattie infettive e centro di riferimento regionale per il Covid-19. I 17 risultati positivi sono poi stati inviati allo Spallanzani di Roma per le controanalisi e la conferma ufficiale (sempre arrivata) da parte dell’Istituto Superiore di Sanità.

Un lavoro duro quello che l’equipe medica campana sta svolgendo in questi giorni. Così come ricordato in conferenza stampa da Vincenzo De Luca, bisogna ricostruire gli ultimi movimenti dei pazienti già risultati contagiati dal coronavirus e sottoporre al test del tampone tutti coloro entrati in contatto. Un lavoro minuzioso e delicato che viene eseguito dal personale sanitario direttamente al domicilio dei presunti sospettati.

Anche oggi, così come si può vedere nel video, medici e infermieri sono entrati in azione nella zona compresa tra il Corso Vittorio Emanuele e i Quartieri Spagnoli, all’altezza di salita Cariati.

Coronavirus, controlli domiciliari a Napoli