Due appelli al Governo per chiedere sostegno e tutele per i lavoratori e per le imprese del settore spettacolo, cultura e creatività, devastato dall’annullamento degli eventi in seguito alla diffusione del Coronavirus in Italia, e una petizione online che ha già superato in pochi giorni quasi 25mila firme: sono le iniziative intraprese dalla Fondazione Centro Studi Doc in questo momento di grave crisi. «I lavoratori dello spettacolo chiedono finalmente uno status giuridico specifico, che preveda in primo luogo il riconoscimento delle tutele previdenziali per scongiurare l’abbandono della professione in caso di malattia o difficoltà. In questo momento drammatico, invece, il settore è stato completamente ignorato nei provvedimenti emanati dal Governo» spiega Chiara Chiappa, presidente della Fondazione Centro Studi Doc, parte della Rete Doc, il più grande network cooperativo italiano nei settori cultura, musica, spettacolo e creatività, con oltre 8mila soci, 30 anni di storia e un fatturato aggregato di 71 milioni di euro nel 2019.

Nel Decreto Legge 2 marzo 2020, n. 9 contenente Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19, sono indicate anche le azioni di sostegno per lavoratori e imprese della zona rossa. Il Governo ha deciso di stanziare per l’emergenza un fondo di circa 417 milioni di euro per il 2020 e di 386 mila euro per il 2021. Un provvedimento straordinario che tiene conto di numerosi aspetti ma che non fa nemmeno un riferimento al mondo dello spettacolo, al quale queste manovre sono applicabili solo in minima parte.

Invece, per le sospensioni e la proroga di termini e di fondi a sostegno del lavoro privato, il mondo dello spettacolo non è preso in considerazione.

Dopo le prime richieste dei lavoratori al ministro del Lavoro Catalfo, al ministro dei Beni Culturali Franceschini e al presidente INPS Tridico, è stato inviato un altro appello ai ministri Franceschini e Patuanelli da parte di 65 organizzazioni del settore, basato su cinque richieste:

1. Così come già previsto per il settore turismo, che anche per le imprese dello spettacolo, beneficiarie o meno del FUS, siano sospesi i versamenti delle imposte, delle ritenute e degli adempimenti tributari in scadenza nel periodo compreso dal 23 febbraio al 30 aprile.

2. Che sia sospeso anche il pagamento delle cartelle emesse dagli agenti della riscossione e quelli conseguenti ad accertamenti esecutivi.

3. Che siano prorogati i versamenti IVA relativi alle fatture non incassate dai committenti.

4. Che siano definite le misure di emergenza per l’accesso agevolato al credito e la sospensione del pagamento delle rate dei mutui per un periodo coincidente col perdurare della crisi.

5. Che sia attivata la Cassa Integrazione in Deroga attraverso uno specifico Decreto Legge che ne renda fruibile l’accesso a tutti i settori colpiti dalla crisi su tutto il territorio italiano.

In questa situazione di emergenza – dichiara a “Il Riformista” il Presidente di Doc Sercizi Demetrio Chiappa- i lavoratori dello spettacolo sono le prime vittime della più che giusta chiusura di teatri e luoghi di eventi e concerti. Si tratta di centinaia di migliaia in tutta Italia che si trovano senza lavoro e che, per come è costruito il sistema previdenziale attuale, si trovano anche senza tutele e indennità. Chiediamo, conclude il Presidente della Fondazione Centro Studi DOC – che i lavoratori dello spettacolo possano avere finalmente uno status giuridico specifico, che preveda in primo luogo il riconoscimento delle tutele previdenziali per scongiurare l’abbandono della professione in caso di malattia o difficoltà di settore”.