È una anziana donna di 80 anni residente a San Prisco, piccolo centro in provincia di Caserta, la seconda persona deceduta in Campania dopo aver contratto il Coronavirus. La notizia è stata confermata dal sindaco Domenico D’Angelo, che nelle ultime ore è stato costantemente in contatto con l’Asl di Caserta.

La vittima era allettata a casa, dopo essere stata ricoverata in una clinica dalla quale è stata dimessa più di 20 giorni fa. Dal suo arrivo a casa aveva manifestato, dopo pochi giorni, problemi respiratori. Dopodiché dopo una diagnosi di polmonite è stata ricoverata in ospedale a Caserta fino al decesso. Dato che il quadro sintomatologico era riconducibile al Covid-19, si è proceduto al tampone.

Ieri notte, quando è giunta la conferma della positività, è stata allertata la catena dei contatti previsti per protocollo, sindaco in primis, che a loro volta hanno provveduto a contattare i parenti e le persone che sono entrati in contatto con la persona risultata positiva.

L’ULTIMO BOLLETTINO – Ventisei positivi ala Coronavirus in un giorno in Campania. È il numero comunicato dall’Unità di Crisi della Protezione civile della Regione Campania dopo aver effettuato nella giornata odierna 119 tamponi presso il centro di riferimento dell’ospedale Cotugno di Napoli.

Al pomeriggio erano risultate positive 14 persone su 48 tamponi effettuati, mentre nella seconda comunicazione arrivata in serata dall’Unità di Crisi sono emersi altri 12 positivi su 71 tamponi. Come per tutti gli altri, si attende la conferma ufficiale da parte dell’Istituto Superiore di Sanità.

Il totale dei casi positivi in Campania si attesta quindi a 89, di cui uno guarito. Al Cotugno sono 25 i ricoverati, di cui 4 in terapia intensiva.