Sei proposte per dare sostegno immediato alle imprese del settore turismo a seguito dell’emergenza Coronavirus. Sono quelle messe a punto Commissione Speciale Turismo e Industria Alberghiera durante la riunione che si è tenuta a Palazzo Santa Lucia al tavolo nazionale e alla quale hanno partecipato i delegati provenienti da tutta Italia.

A spiegarne i dettagli è l’assessore regionale al Turismo della Regione Campania, Corrado Matera: “A seguito dell’incontro con le Associazioni di categoria convocato dal Presidente De Luca ho rappresentato le istanze emerse dalla riunione. Insieme con gli altri assessori al Turismo abbiamo condiviso un documento che sarà sottoposto al vaglio del Governo nella prossima riunione del Consiglio dei Ministri”.

In particolare la Commissione Turismo ha ritenuto necessario formulare al Governo l’adozione con urgenza di adeguate misure per tutto il territorio nazionale atte a sostenere l’intera filiera allargata del turismo. Si tratta nel dettaglio di: estendere e attivare immediatamente la CIG in deroga a tutte quelle aziende del settore turismo alle quali non si applicano gli ammortizzatori sociali esistenti e semplificazione di accesso alla CIG-CIGS-FIS per le aziende a cui si applicano tali strumenti, oltre al necessario prolungamento della cd “disoccupazione” per i lavoratori stagionali del comparto turistico non riassunti; esterdere e prorogare a tutto il territorio nazionale delle misure fiscali e tributarie: differimento e sospensione almeno fino al 30 settembre 2020 del termine di pagamento dei contributi previdenziali e delle imposte dirette e indirette anche locali, comunque per un periodo congruo e correlato agli sviluppi dell’emergenza, prevedendo al termine della sospensione un periodo di almeno sei mesi per la rateizzazione; sospendere il pagamento dei ratei dei mutui bancari e dei relativi interessi; accesso facilitato al Fondo di garanzia delle PMI per sostenere l’accesso al credito delle aziende turistiche prevedendo un incremento delle risorse a disposizione; utilizzazione dei fondi e delle risorse comunitarie per immettere liquidità nel settore turistico, prevedendo lo snellimento delle attuali procedure ai fini di un rapido impiego delle risorse disponibili, anche attraverso una rimodulazione degli interventi già programmati; necessità di individuare in una fase successiva congrue ed ulteriori risorse in conto capitale per un programma di investimenti e ristrutturazione che possa servire da rilancio del settore ma anche da volano per l’economia, al pari della previsione di un Piano di intervento straordinario di promozione.

“Interventi immediati – prosegue Corrado Matera – perché non possiamo permetterci di frenare lo slancio di un settore trainante per l’economia locale.  Con la crescita del turismo è cresciuta tutta la Campania. E di questo bisogna dare atto anche agli imprenditori del settore per il lavoro che hanno fatto, incidendo sensibilmente sulla qualità dell’accoglienza”.

“La fase attuale di emergenza non può mettere a rischio il lavoro di questi anni. La Commissione Speciale Turismo e Industria Alberghiera è stata aggiornata alla prossima settimana per mettere a punto ulteriori interventi nel settore della comunicazione e della promozione turistica dei nostri territori a livello internazionale. Un Piano – conclude l’assessore regionale al Turismo – da attuare anche attraverso le ambasciate, i consolati e gli Istituti italiani di cultura all’estero affinché sia chiaro il messaggio che l’Italia è e resta una terra da visitare”.