“In Campania sono 13 i casi positivi al Coronavirus”. E’ quanto annuncia il Governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso di un conferenza stampa a palazzo Santa Lucia a Napoli. “Denunceremo chi ha comportamenti irresponsabili, stiamo facendo un lavoro rigoroso. Se avete sintomi restate a casa e chiamate il medico di famiglia”.

Al momento “ci sono 13 casi conclamati in Campania: nove a Napoli, due tra Caserta Mondragone,  uno a Salerno, uno a Benevento”. Di questi 13 “sono tre i pazienti ricoverati e in buone condizioni, gli altri sono a casa. Non abbiamo casi drammatici”.

“Non possiamo tenere le scuole chiuse per tanto tempo, altrimenti si perde anno scolastico. Stiamo contrastando il virus ma allo stesso tempo dobbiamo preservare l’economia” ha aggiunto De Luca.

“La priorità – prosegue De Luca – è ricostruire la catena di relazioni e contatti diretti che quel paziente ha avuto nei giorni precedenti. Questa è la priorità vera: evitare la diffusione del contagio”.

L’AVVOCATO – “A Napoli un avvocato è stato in movimento per una settimana, è rientrata in aereo da Milano il 21 febbraio, ha svolto vita sociale e attività professionali per altri quattro giorni. Il 26 ha accusato dei malori e si è recato al Cotugno: i risultati del test positivo gli sono stati comunicati a casa. Adesso è in quarantena domiciliare”.

“Nei giorni precedenti al tampone, ha incontrato altri avvocati, partecipato a riunioni, girato per tribunali, dando il via al contagio”. I nuovi sette casi risultati positivi, e annunciati ieri sera dalla Protezione civile, sono tutti di Napoli, collegati all’avvocato 50enne residente del quartiere napoletano di San Carlo all’Arena.

“Nel Cilento la paziente di nazionalità ucraina è un tecnico di laboratorio che lavora all’ospedale di Cremona dove ci sono oggi circa 80 contagiati. E’ partita il 15 febbraio da Cremona con un Frecciarossa, arrivata a Salerno ha preso due autobus per tornare nel suo paesino del Cilento. Abbiamo dovuto ricostruire tutto il percorso fatto dalla giovane, dall’autista dell’autobus ai viaggiatori”.

“La studentessa di Caserta aveva soggiornato per 36 ore a Milano ed è ritornata in auto con altre due persone, un ragazzo e una ragazza. Dai tamponi è risultato positivo l’accompagnatore della ragazza, cittadino di Guardia Sanframondi e abbiamo dovuto avvertire i colleghi di lavoro a Milano, da oggi in quarantena. E’ un lavoro rigoroso quello svolto dal personale medico”.

L’ULTIMO BOLLETTINO DELLA PROTEZIONE CIVILE – La task force della Regione Campania continua il monitoraggio costante e continuo della situazione relativa al Covid 19.
Alle ore 13, tutti i nuovi tamponi esaminati dall’ospedale Cotugno risultano negativi.
Il quadro attuale pertanto conta, al momento, 13 contagi di cui 3 ricoverati in condizioni buone e 10 in quarantena.
Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha poi preso parte alla videoconferenza con il Presidente del Consiglio Conte e le altre Regioni d’Italia alla quale erano presenti anche i componenti della stessa task force regionale.
Nel corso della riunione, il Presidente De Luca ha sottolineato il massimo rigore nella cura e sulla ricostruzione della catena dei contagi e fatto un richiamo alla responsabilità individuale, chiedendo eventuali misure atte ad arginare il rischio di persone già contagiate che, non rispettando le prescrizioni, aumentano la possibilità di nuovi contagi.
In merito alle scelte di fondo da adottare, il Presidente De Luca, sempre in videoconferenza con il Presidente del Consiglio Conte, ha ribadito il senso di responsabilità della Campania nel garantire scelte coerenti, confermando la riapertura delle scuole e delle università da lunedì e l’espletamento dei concorsi pubblici.
Non sono previsti, anche a livello di Governo centrale, provvedimenti di chiusura per scuole e università della Campania, dove da lunedì possono regolarmente continuare le attività didattiche, fermo restando le precauzioni di prevenzione e sorveglianza già in atto.