Torna Classico Contemporaneo. La rassegna estiva di teatro per la direzione artistica di Mirko Di Martino e Gianmarco Cesario realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli nel Convento di San Domenico Maggiore. Dal 9 al 22 agosto, ogni sera, una proposta culturale autoriale per chi resta in città e per i turisti che pure tornano a visitare Napoli.

‘San Domenico_Piazza d’arti’, si sta scoprendo calzante per un uso civico e condiviso del migliore spazio della cultura in centro città. Uno spazio vissuto ogni giorno, tutti giorni, dalla mattina, con le prove delle compagnie teatrali, al pomeriggio con le presentazioni di libri e piccoli eventi culturali, alla sera con il teatro e la musica.

‘’Anche Classico Contemporaneo è una scommessa vinta, una conferma che arriva in un momento in cui sembrava difficile mantenere la continuità. E per questo ringrazio i curatori Gianmarco Cesario e Mirko De Martino che hanno perseverato nell’idea di realizzare questa rassegna in uno spazio del Comune allestito, nonostante le scarse risorse, per sostenere lo spettacolo dal vivo. Anche se più breve, la rassegna è ugualmente ricca di proposte originali e di grande qualità. Ospiterà numerosi debutti, come tradizione di Classico Contemporaneo. In particolare, è un bel segno il primo spettacolo prodotto dalla Compagnia Under 30 del TRAM, con cui non a caso apre il cartellone. Nata un attimo prima della chiusura per il Covid-19, la compagnia, composta da 11 giovani attori e attrici con meno di trent’anni, ha atteso la fine dell’emergenza per proporre al pubblico il primo progetto, la prima tappa di un percorso che sarà ricco ed emozionante come dichiara l’Assessore De Majo.

La voglia di uscire e di ritrovarsi è, quest’anno più che mai, alla base della nostra rassegna, e per quest’edizione abbiamo deciso di scegliere spettacoli che potessero (con la consueta ricerca nel ricco bagaglio culturale rappresentato dalla tradizione classica) rappresentare un momento di distensione e di divertimento. Per la sezione dedicata alla musica abbiamo voluto omaggiare due grandi cantautori che, pur appartenenti a generazioni e periodi molto differenti, ci hanno divertito con ironia ed intelligenza, il “nostro” Renato Carosone (di cui quest’anno si celebra il centenario dalla nascita) e l’indimenticabile Rino Gaetano, il primo raccontato dalla splendida voce di Francesca Curti Giardina, il secondo dall’ensamble composta da Laura Cuomo, Francesco Luongo e Francesco Santagata. Luongo e Cuomo, inoltre, ci concedono un bis, la sera di ferragosto, con lo spettacolo omaggio a Fabrizio De Andrè, che debuttò proprio lo scorso anno a ‘Classico Contemporaneo’, risultando lo spettacolo campione d’incassi di quell’edizione. La prosa è rappresentata, come sempre, da rifacimenti di grandi autori, quali Plauto (“Aulularia), Moliere (“La scuola delle mogli”), Shakespeare (“Misura per misura”), ed il trittico di farse di Cechov, Labiche e Petito, dirette da Gianmarco Cesario. Non mancano, inoltre, anche operazioni drammaturgiche moderne che fondano però le radici nel passato, come “Regine sorelle” di Mirko Di Martino e “Il carro dei comici” di Roberta Sandias. Se qualcuno si è scandalizzato per il termine “divertire” utilizzato per spiegare la missione del teatro, ebbene noi invece l’abbiamo accolto alla lettera e speriamo di riuscire a farlo, con le nostre due settimane di “Classico Contemporaneo” dichiarano i direttori artistici Mirko Di Martino e Gianmarco Cesario.