Da anni si profetizza la fine imminente della carta stampata e cosa accade in Campania? Accade che nello stesso giorno, il 14 gennaio 2020, arrivano in edicola due giornali: l’edizione napoletana del Riformista e l’edizione salernitana del Quotidiano del Sud. Due giornali di carta che, ovviamente, sono presenti con edizioni anche sul web.

L’8 gennaio ho partecipato alla presentazione del Quotidiano del Sud e il 13 sono alla presentazione del Riformista. Non solo per dare un forte in bocca al lupo a due agguerrite redazioni ma, soprattutto, per sottolineare l’importanza del rafforzamento della carta stampata quotidiana nelle edicole campane. Avere due voci in più significa irrobustire complessivamente la buona informazione della nostra regione che ha attraversato anni difficili con la chiusura di alcune testate e il ridimensionamento di altre. Due giornali che fondono esperienza e nuove energie. Con la scelta di Marco Demarco che, nel costruire la redazione napoletana del Riformista, ha chiamato diversi professionisti provenienti dalla Scuola di giornalismo di Napoli i quali, concluso il percorso post universitario, hanno accumulato esperienze ad ampio raggio.

La carta stampata in Campania si rafforza ed è una scelta importante consolidarla nelle edicole nella direzione del pluralismo dell’informazione e di una positiva sinergia con il web. Questa la strada per mantenere ben salda l’informazione e contrastare l’invasione di fake news. Per tutelare l’opinione pubblica, la democrazia e la nostra professione è necessario uno scatto di ulteriore responsabilità da parte di tutti i giornalisti. Dobbiamo rispettare la deontologia, verificare le notizie ma anche denunciare il falso. Solo così l’opinione pubblica potrà comprendere ciò che è vera informazione da tutto il resto. In gioco c’è il presente e il futuro del giornalismo.

Ribadisco i miei auguri alle nuove testate in edicola, ai giornalisti delle redazioni e ai collaboratori ma prendo con decisione le distanze, da presidente dell’Ordine della Campania, dalla campagna pubblicitaria che in questi giorni ha annunciato l’uscita dell’edizione napoletana del Riformista.