Balle di vestiti e scarpe, biciclette, televisori e frigoriferi rottamati stipati in un container destinato al Burkina Faso. Ben 3 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi sono stati sequestrati all’interno del porto di Napoli. L’operazione è stata condotta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza partenopea, insieme ai funzionari dell’Agenzia delle Dogane. In particolare, i finanzieri del II Gruppo, a seguito di una specifica attività di analisi di rischio, hanno scoperto balle di vestiti e scarpe, biciclette, televisori e frigoriferi rottamati, il tutto destinato all’esportazione in Africa.
Al termine delle attività doganali sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria 2 africani, un 53enne della Costa d’Avorio e un 50enne del Ghana, per traffico illecito di rifiuti, falso ideologico e ricettazione. L’operazione conferma la proficua sinergia nel contrasto ai traffici illeciti e alla tutela ambientale tra la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane, come testimoniano le oltre 130 tonnellate di rifiuti speciali pericolosi sequestrati nel porto partenopeo (con la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 23 responsabili) nell’anno appena trascorso.